Barolo D.O.C.G. Riserva Pernanno

Web ID: VRSFBB0750

Vino Sobrero Francesco

Barolo D.O.C.G. Riserva Pernanno

Confezione 1 Bottiglia da 0,750 lt

€. 50,00

Comune di produzione: Castiglione Falletto.
Uva: Nebbiolo: 70% Michet, 20% Rosè e 10% Lampia.
Prima annata di produzione: dal 1993 come Barolo Pernanno, dal 1998 come riserva.
Produzione annua: 3.500 bottiglie.
Superficie del vigneto: 1 ettaro.
Esposizione e altimetria: 350 metri esposizione sud-est.
Tipologia del terreno: sabbioso, roccioso con venature calcaree.
Sistema di allevamento e densità d’impianto: controspalliera Guyot con 4.000 piante ettaro.
Età media delle viti in produzione: 75 anni, anno d’impianto 1946.
Resa per ettaro: 45 quintali ettaro.
Vinificazione e affinamento: Fermentazione e macerazione a temperatura controllata in acciaio a capello sommerso per circa 50 giorni, con rimontaggi all’aria e automatici. Fermentazione malolattica in acciaio e affinamento in botte grande di rovere (circa 25 hl) per almeno 36 mesi. Imbottigliamento senza filtrazione.
Note di degustazione: Colore rubino brillante splendente e luminoso. Profumi con prevalenza di note selvatiche, sfumature di cuoio, mazzetto odoroso, cacao, cipria, che aprono poi su note più calde ed evolute di funghi secchi, humus, rosa canina. Al gusto ampio ricco, strutturato, con salda struttura tannica, grande stoffa e persistenza una grande ampia espressione di frutta, con terrosità spiccata, e ripresa delle note di cacao, cuoio, con una vivace acidità finale che dà lunghezza e persistenza al bicchiere.
Consigli di abbinamento a tavola: Brasato al Barolo, preparazioni a base di carni rosse e selvaggina, formaggio stagionato

Barolo D.O.C.G. Riserva Pernanno

CANTINA
La culla dove il vino viene coccolato con dolcezza. Dopo la vendemmia è qui che si continua il lavoro di crescita e maturazione. Nel corso degli anni la cantina è stata modernizzata e, pur nel rispetto della tradizione, la tecnologia ha trovato la sua giusta dimensione per dare il suo apporto in termini di qualità al vino. La temperatura controllata sui due piani della cantina ne è un valido esempio. Il vino cresce nei locali adiacenti all’abitazione e le zone a lui dedicate sono tre. Dopo la pigiatura si lavora nella zona di fermentazione e di vinificazione dove il nettare dell’uva inizia a trasformarsi nei primi processi che lo preparano alla beva. Nella zona di invecchiamento, il seminterrato custodisce quasi gelosamente il tesoro dei Sobrero. Qui prendono forma i rinomati Crü nelle pregiate botti di Rovere di Slavonia, quasi in un religioso silenzio per contemplare la maturazione del vino. Dopo l’imbottigliamento, la zona adibita allo stoccaggio accoglie le bottiglie pronte a essere immesse sul mercato. Nulla è lasciato al caso: la selezione di campioni di bottiglia (circa duecento) sui Crü, tenute in un locale specifico per l’invecchiamento, permettono di studiare il vino che viene degustato con specialisti del settore. Un altro segno distintivo per la ricerca della qualità.

Per ulteriori informazioni senza impegno su questo prodotto compili pure il form sottostante per inviarci la sua richiesta. La contatteremo al piu' presto possibile. I campi contrassegnati con un (*) sono necessari. GRAZIE.




Privacy - Decreto legislativo 196/03 art. 13
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy